“SINISTRI INTERNET. RESPONSABILITA’ E RISARCIMENTO” di Deborah Bianchi

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Copertina_Sinistri_Internet (3)“SINISTRI INTERNET. RESPONSABILITA’ E RISARCIMENTO”  il nuovo libro di Deborah Bianchi, Edizioni Giuffre’ luglio 2016, https://shop.giuffre.it/catalog/product/view/id/76454/
Web Reputation e tutela della persona on line. La liquidazione del danno sintetizzata su Tabelle in via equitativa da un minimo di € 2.000,00 a un massimo di € 70.000,00. Quanto costa fare i bulli o gli stalker in Rete? Per i giornali on line che “si dimenticano” di aggiornare le notizie, quanto costa risarcire il danno per violazione dell’identità attuale della persona? Per i motori di ricerca che non concedono ingiustamente l’oblio, quanto costa risarcire la vittima?
Quanto costa offendere, diffamare on line? Quanto costa diffondere senza consenso video, immagini e conversazioni intime?
Sulla scorta dei casi già vagliati dai Giudici il libro costruisce delle TABELLE che ipotizzano la quantificazione in media di questi danni. Per esempio per la diffamazione on line la liquidazione del danno stabilita in via equitativa può variare da € 10.000,00 a € 18.000,00. Se ci sono però delle perizie psicologiche o delle testimonianze si può salire anche fino a € 70.000,00.
Internet è una tecnologia né buona né cattiva. I danni on line derivano dalle cattive condotte. E’ giusto però che ciascuno sia RESPONSABILE delle proprie azioni e che PAGHI per ciò che ha fatto.
Il mio ultimo libro “Sinistri Internet. Responsabilità e risarcimento” prende le mosse dall’assunto appena menzionato. Da qui la necessità di scandagliare le azioni nel web con la lente dell’operatore del diritto individuando responsabilità e qualificando e quantificando i danni. Si tratta di dare delle risposte utili ai naviganti e di contribuire alla formazione della cultura giuridica digitale semplicemente avvertendo che apporre un LIKE su un post lesivo ci rende responsabili in solido con l’autore dell’offesa. Creare un account fake non solo costituisce il reato di sostituzione di persona ma implica anche che tu o i tuoi genitori dovrete pagare per i danni arrecati alla vittima. Garantire – o almeno lottare perché venga garantita – l’attualità dell’identità personale on line e perché le vittime di abusi digitali vengano ristorate ha dei costi che una società 4.0 come la nostra deve iniziare a pensare di assumersi.